Posti da vedere in moto – Cinque Terre

Le Cinque Terre, cuore pulsante della Riviera ligure orientale, sono una delle mete turistiche più conosciute e apprezzate del nostro Paese tanto da essere stata proclamate dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità sin dal 1997.
Questo riconoscimento si deve alla ricchezza artistica e naturalistica di questi luoghi. La morfologia del territorio, inoltre, con le sue numerose strade curvilinee, i tornanti stretti, le rapide salite e le discese veloci rendono questa parte del litorale ligure il luogo perfetto per una vacanza su due ruote.
Come prima tappa vi consigliamo di partire da Riomaggiore, dirigendovi verso Manarola.
Riomaggiore, è la più meridionale delle Cinque Terre ed è famosa per una particolarità molto curiosa: tutte le case hanno due ingressi, un’usanza che ha origini nel medioevo per proteggersi dai pirati e che si è conservata sino ad oggi. Prendete la SP370, la Strada provinciale delle Cinque Terre e, dopo circa sei chilometri in salita, raggiungerete Manarola, seconda tappa, del nostro tour. La città ha antichissime origini: il nome deriva dalla “Magna rota”, una grande ruota di mulino usata nel passato ed oggi conservata nel centro cittadino. Imboccando la Strada provinciale 51, dopo circa 11 km, potrete raggiunge  Corniglia, un borgo arroccato sugli scogli da cui  potrete ammirare un panorama spettacolare.
Da Corniglia procedete verso Vernazza sempre attraverso le molteplice curve della SP51. Durante il tragitto di circa 6 km, potrete attraversare i caratteristici borghi di San Bernardino, Muro Inferiore e Vernazzola. Proseguite poi verso  Monterosso al Mare, il più settentrionale dei paesini delle Cinque Terre: il borgo era uno dei luoghi di vacanza preferiti di Montale. Se avete tempo vi consigliamo una visita alla storica Chiesa di San Giovanni Battista e una passeggiata lungo la spiaggia di Fegina.